Il Progetto

Loghi IstituzionaliL'obiettivo primario è la sperimentazione di nuove modalità di intervento e di cooperazione fra enti ed organizzazioni pubbliche e private, al fine di rendere possibile e concreto il re/inserimento del giovane disabile (nello specifico con disabilità sensoriale) e dei disagiati in generale, nel mercato del lavoro attraverso il rafforzamento dei saperi e delle competenze e l'acquisizione della consapevolezza di sè (empowerment).

Area Devianza e Disabilità

L'obiettivo primario è la sperimentazione di nuove modalità di intervento e di cooperazione fra enti ed organizzazioni pubbliche e private, al fine di rendere possibile e concreto il re/inserimento del giovane disabile (nello specifico con disabilità sensoriale) e dei disagiati in generale, nel mercato del lavoro attraverso il rafforzamento dei saperi e delle competenze e l'acquisizione della consapevolezza di sè (empowerment).

Azioni e fasi di realizzazione

Orientamento:  Apertura degli sportelli di informazione/orientamento nei distretti interessati al fine di supportare gli utenti ed un consapevole inserimento nel percorso formativo e/o di inclusione sociale e di promuovere le relazioni del sè e del territorio.

Formazione: Realizzazione di 6 percorsi di formazione professionale (durata 150 ore - max 10 allievi per corso):

n. 1 Corso area della dematerializzazione;

n.1 Corso per operatore di ripresa e motaggio;

n.2 Corsi area del fotovoltaico;

n.1 Corso area agrituristica;

n.1 Corso area subacquea.

I primi 3 corsi di formazione saranno rivolti a disabili preferibilmente on deficit di tipo sensoriale e prevedono un'indennità di frequenza ed il successivo inserimento in azienda con l'attività di work experience. Gli allievi saranno scelti, successivamente ad un avviso pubblico ed eventuale selezione (ove il numero delle candidature superasse quello dei posti disponibili). Gli altri tre corsi saranno rivolti a devianti segnalati da Centro di Giustizia Minorile.

Print Shortlink

Chi siamo

L’associazione “Mediaglobal” è costituita da una èquipe di professionisti con specifiche competenze  nell’ambito della famiglia, che hanno deciso di unirsi per diffondere la cultura della “mediazione” intesa nel senso più ampio e con particolare riguardo alle relazioni di coppia e familiari in genere.

Considerando la famiglia luogo primario di crescita individuale e sociale l’attività dell’associazione è rivolta ad “affinare” le competenze educative e formative  dei genitori attraverso un percorso psicopedagogico che dia loro strumenti per una guida più efficace nel percorso di crescita dei figli, per dare un maggiore impulso al contesto familiare.

L’approccio olistico ed ecosistemico che coinvolge innanzitutto le famiglie e che agisce in primo luogo sulle “Risorse” dei genitori rafforzando le loro competenze e la loro autonomia al fine di accrescere la funzione genitoriale, rappresenta il modello teorico di riferimento dell’associazione.